l'ultimo gesto d'amore Visualizza ingrandito

L'ultimo gesto d'amore

Nuovo

“Una storia d'amore che mi è entrata dentro, e non è uscita più. Come capita alle storie importanti che leggi o che ascolti.”
Roberto Saviano


“Siamo di fronte a una storia d’amore non di morte.”
Don Andrea Gallo

Maggiori dettagli

299 Articoli

10,00 €

Scheda tecnica

TitoloL'ultimo gesto d'amore
AutoreMina Welby con Pino Giannini
PrefazioneEmma Bonino
PostfazioneBeppino Englaro
Anno2016
Pagine68
Formato14x21 cm
CartaRevive Natural, riciclata al 100%
InchistroEcologico a base vegetale
LicenzaCreative Commons 3.0
ISBN9788897883432

Dettagli

Mina Welby ha deciso di amare fino alla fine, rispettando la persona amata anche nella sua scelta di una “morte opportuna”.
Il libro ripercorre i momenti di una vicenda che ha scosso le scienze e le coscienze, in Italia e non solo, ponendo con urgenza questioni giuridiche, sociali ed etiche ancora irrisolte.
Pagine potenti e delicate, che coinvolgono per la loro autenticità.
Una straordinaria storia d’amore nella quale la malattia è quotidianamente contrastata con l’argine sicuro dei sentimenti.

Wilhelmine Schett (chiamata Mina Welby) è nata a San Candido nel 1937. Trasferitasi a Roma, ha sposato Piergiorgio Welby, affetto da distrofia muscolare. Ha insegnato in scuole private la lingua tedesca. Dal 2003 è iscritta all’Associazione Luca Coscioni, di cui è co-presidente, e ai Radicali Italiani. È impegnata sui temi dell’autodeterminazione della persona, sulle scelte di vita e fine vita, nonchè sull’importanza di una assistenza adeguata alla persona malata e di garantire opportunità al disabile.


Giuseppe Giannini (detto Pino) nato a Isernia nel 1984.
Scrittore, giornalista. Vive a Roma.

Recensioni

No customer comments for the moment.

Scrivi una recensione

L'ultimo gesto d'amore

L'ultimo gesto d'amore

“Una storia d'amore che mi è entrata dentro, e non è uscita più. Come capita alle storie importanti che leggi o che ascolti.”
Roberto Saviano


“Siamo di fronte a una storia d’amore non di morte.”
Don Andrea Gallo

Scrivi una recensione