Nuovo Orazione per Marilyn Monroe Visualizza ingrandito

Orazione per Marilyn Monroe

Nuovo

L'Orazione per Marilyn Monroe, appena pubblicata nel 1965, venne accolta come un classico della poesia latinoamaeicana contemporanea. La pietà che trasuda da quei versi è pietà per la vittima di un mondo che lusinga, tradisce e inganna; di una società che ha condannato alla più atroce solitudine la più amata fra le donne.

Maggiori dettagli

100 Articoli

0,00 €

Scheda tecnica

TitoloOrazione per Marilyn Monroe
AutoreErnesto Cardenal
TraduzioneMarco Ottaiano
PrefazioneAlessandra Riccio
Anno2006
Pagine64
Formato13x21
ISBN88-88234-49-7
LinguaItaliano-Spagnolo

Dettagli

L'Orazione per Marilyn Monroe, appena pubblicata nel 1965, venne accolta come un classico della poesia latinoamaeicana contemporanea. La pietà che trasuda da quei versi è pietà per la vittima di un mondo che lusinga, tradisce e inganna; di una società che ha condannato alla più atroce solitudine la più amata fra le donne;è pietà per la bionda platinata Marilyn Monroe, per la diva di Hollywood, non per qualsiasi bella ragazzi finita male. No, proprio per lei. La sex-symbol, la giovane donna figlia illegittima, ascesa ai vertici di fama e popolarità, è la destinataria di questa orazione in cui parole come "astronauta", "fotografo", "tranquillanti", "studios" appaiono per la prima volta in un''opera poetica per collocare la tragedia nel suo tempo, nel tempo dell'indifferenza e dell'alienazione, nel tempo impietoso in cui la carne è merce, il corpo è merce, Cardinal impugna lo staffile dei suoi versi taglienti e pietosi per scacciare i mercanti dal corpo di Marilyn e chiederle perdono in nome di tutti noi.

Recensioni

No customer comments for the moment.

Scrivi una recensione

Orazione per Marilyn Monroe

Orazione per Marilyn Monroe

L'Orazione per Marilyn Monroe, appena pubblicata nel 1965, venne accolta come un classico della poesia latinoamaeicana contemporanea. La pietà che trasuda da quei versi è pietà per la vittima di un mondo che lusinga, tradisce e inganna; di una società che ha condannato alla più atroce solitudine la più amata fra le donne.

Scrivi una recensione